Psicologia e Psichiatria

Lavoro non amato

Lavoro non amato, cosa fare? Perché così tante persone siedono nell'odiato lavoro di chiamare per chiamare tutte le loro vite? Spesso, prima di molti, sorge il seguente dilemma: il lavoro non amato da lasciare o abituarsi ad esso? Gli scienziati della National University of Australia hanno scoperto che il lavoro odioso può influire seriamente sul benessere di una persona e che la salute è molto più utile per essere disoccupato che occupare un simile lavoro. Gli esperti che hanno condotto lo studio ritengono che sia la salute fisica e psicologica dell'individuo sia fortemente influenzata dal tipo di lavoro, dalle condizioni, dal carico di lavoro, dalle prospettive e dal livello di comfort psicologico. I risultati della ricerca hanno rivelato che psicologicamente le persone che non avevano un impiego fisso rispetto a quelle che erano impegnate in un'attività non amata si sono dimostrate più resistenti. Coloro che avevano un lavoro preferito si rivelarono più prosperi.

C'è una certa categoria di persone che sceglie deliberatamente il lavoro non amato, ma altamente retribuito. Queste persone argomentano in questo modo: se il lavoro non amato è adeguatamente pagato, allora si può in qualche modo sopportare questa lacuna e accettare questo fatto. Nella vita, lo compensano spendendo il loro tempo libero, compresi i giorni festivi e i fine settimana, così come le vacanze, a loro piacimento, facendo avverare i loro sogni, poiché il salario consente loro di farlo.

Sfortunatamente, nella vita non sempre risulta che il lavoro sia piacevole, porti soddisfazione, e allo stesso tempo si paghi uno stipendio decente. Capita spesso che trascorrendo del tempo in un affare odioso, a una persona non sia rimasto molto tempo per fare ciò a cui è realmente interessato e cosa potrebbe fare se non fosse stato impegnato in un'attività non interessante. Nel corso del tempo, una persona smette di sognare, perché capisce che tutti i sogni sono impossibili per lui. Tutti i suoi pensieri sono costantemente concentrati su come completare rapidamente il lavoro prima della fine della giornata lavorativa e fuggire dall'odiato posto di lavoro. Pertanto, le persone hanno spesso una domanda nella loro testa: "come fare i conti con il lavoro non amato?".

Per prima cosa devi decidere cosa significa lavoro non amato? Nel concetto generalmente accettato, ciò significa che una persona non riceve soddisfazione dalla sua attività, sia sotto forma di riconoscimento sociale o sotto forma di denaro, mentre il livello di autostima sta rapidamente diminuendo. Il lavoro di odio è pericoloso per la salute, sia psicologicamente che fisicamente. Pertanto, non importa ciò che una persona fa in questo tipo di lavoro, tutto ciò causerà il rifiuto e la protesta interna. Qualsiasi azione nell'esecuzione di compiti funzionali richiederà sforzi raddoppiati, ma prima dovrai superare e motivare te stesso per adempiere a tali responsabilità.

Quando una persona è impegnata con il suo amato lavoro, questa volta passa inosservata e praticamente non deve fare sforzi per eseguire determinate azioni e tutto risulta da solo. Al lavoro non amato, una persona riceve alla fine della giornata lavorativa, oltre alla fatica, anche l'irritazione, che poi porta a casa la famiglia. A casa si concede il relax e, ad esempio, urla ai membri della famiglia. Sbalordito dai limiti della correttezza, l'energia negativa accumulata al giorno si riversa sulle persone più vicine a causa dell'occasione più insignificante.

Naturalmente, una persona pensa periodicamente a come uscire da un lavoro non amato, ma spesso questo non viene risolto, perché nel tempo diventa molto difficile per un individuo perché ha acquisito un complesso di inferiorità persistente su di esso.

Il lavoro non amato ritarda una persona, ma non come un hobby - con interesse, passione, creatività, ma come una "palude" di routine a causa della disperazione.

Sì, e come puoi trovare un nuovo lavoro, dopo aver convinto un altro datore di lavoro delle tue qualifiche, se la persona stessa smette di valutare se stessa e non si considera degna di una vita migliore?

Più a lungo una persona lavora in un lavoro odiato, più difficile è sintonizzarsi psicologicamente per cambiarlo. Il datore di lavoro è anche completamente non redditizio. Che tipo di entusiasmo o creatività c'è, se a volte è difficile ottenere una buona fede da un dipendente che è interessato a come sbarazzarsi del prossimo incarico il prima possibile o tornare a casa il prima possibile. Di qui la conclusione deludente: nessuno ha bisogno di un lavoro non amato - né la leadership, né l'ambiente immediato, né il lavoratore stesso. E la domanda stessa sorge spontanea: "cosa fare in una situazione del genere?".

Lavoro non amato - il consiglio di uno psicologo

Oggigiorno, le persone devono lavorare sempre di più per soddisfare i loro bisogni materiali. Gli psicologi dicono che se il giorno di paga è tutto ciò che piace a una persona al lavoro, questo è un sintomo inquietante.

Il lavoro non amato gradualmente "uccide" una persona. È già stato dimostrato dagli scienziati che le persone che non sono soddisfatte della loro attività lavorativa muoiono per malattie cardiovascolari 2-3 volte più spesso di quelle persone il cui lavoro non causa disagio.

Per capire una persona come essere e cosa fare dopo, gli psicologi consigliano di rispondere onestamente alle seguenti domande:

- se sono pronto a lavorare sul lavoro non amato;

- come penso, quanto è abbastanza per me;

- Quanto tempo posso impiegare per fare ciò che mi distrugge e mi deprime?

Più una persona onesta risponde a queste domande, prima ammette a se stesso una scelta falsa o imposta, prima la sua vita migliorerà, compresa la sua vita personale. Parallelamente all'influenza del lavoro non amato sull'individuo, un altro studio è stato condotto presso la New York University, che ha rilevato che la soddisfazione lavorativa migliora le relazioni familiari. Pertanto, prima di cambiare il tuo conforto spirituale per un alto stipendio, dovresti pensarci bene.

Gli psicologi consigliano di non cercare un lavoro altamente retribuito, ma di trovare un'attività a proprio piacimento in cui si possa provare un senso di coinvolgimento nel processo lavorativo o un hobby che alla fine genererà reddito. Molte persone hanno una domanda, come si fa? Come può una persona trovare ciò che andrà bene, sostenere la concorrenza, portare reddito e soddisfazione.

Per provare un senso di coinvolgimento nel processo lavorativo, un individuo dovrebbe trovare l'intersezione tra l'attività professionale e le tre componenti più importanti della sua vita, che includono entusiasmo (passione), significato e salari (fondi).

Dovresti rispondere alle seguenti domande e trovare l'area in cui le risposte si intersecano:

- cosa ti piace fare;

- ciò che una persona sogna nei suoi sogni più intimi;

- qual è il significato dell'attività professionale?

- dove vuole lavorare;

- in quale sfera è il desiderio di dare un contributo;

- su cosa significa una persona vuole esistere;

- quale livello di vita è accettabile.

Quindi, se un individuo deve sempre sforzarsi di eseguire un lavoro non amato, allora questo è un motivo per smettere e cambiare la sua vita. Dopotutto, se nella vita ci sarà una questione che porterà soddisfazione, allora il lavoro cesserà di essere un peso. La vita è troppo breve per spenderla quotidianamente in attesa della fine della giornata lavorativa, per lavorare ogni giorno per un capo terribile, per sentirsi come qualcosa di completamente insignificante o per un oggetto in affitto. È necessario cercare di diventare una persona felice il più possibile e al più presto trovare un lavoro preferito in grado di soddisfare tutte le esigenze.

Guarda il video: Fabio AMATO EUROPA: "UN FONDO PER IL LAVORO E NON PER LE BANCHE" (Agosto 2019).