agorafobia - Questo è un disturbo mentale in cui c'è la paura di luoghi affollati, la paura di spazi aperti. L'agorafobia è un tipo di meccanismo di difesa caratterizzato dall'incoscienza della manifestazione. La paura dei luoghi affollati nasce dalla paura di un attacco di panico in pubblico. Tale paura può sorgere dalla paura di qualcosa che ha a che fare con le persone o con i traumi emotivi che ricevono. Una persona che soffre di agorafobia è praticamente incapace di sentirsi al sicuro in luoghi affollati, specialmente in luoghi affollati.

Cause di agorafobia

Spesso, l'agorafobia può essere causata da situazioni precedentemente traumatiche che coinvolgono persone. I soggetti che hanno paura di trovarsi nei trasporti pubblici o di stare in luoghi affollati spesso hanno paura di lasciare la casa direttamente, non essendo accompagnati in luoghi affollati che è impossibile lasciare immediatamente.

Questo è esattamente il modo in cui appare un circolo vizioso - la paura di manifestare panico nei luoghi pubblici o "in pubblico", costringendo i soggetti affetti da agorafobia a non uscire di casa, il che porta ad una esacerbazione ancora maggiore della malattia. Insieme a questo, molti pazienti con agorafobia sono in grado di comunicare con successo in un grande gruppo di persone, a condizione che tale comunicazione avvenga sul loro territorio nel loro spazio abituale. Questo tipo di agorafobia si verifica spesso da adulto.

Oggi molti scienziati ritengono che non siano state identificate tutte le cause esatte dell'agorafobia. La maggioranza assoluta di loro ritiene che sia una conseguenza di una serie di fattori psicologici e fisici.

Gli attacchi di panico sono la causa più comune di agorafobia. Cioè, l'agorafobia si verifica a causa delle loro complicazioni. Questo disturbo è caratterizzato da periodi regolari di panico, una forte paura che porta a gravi reazioni fisiche. Gli attacchi di panico possono essere piuttosto spaventosi, costringendo le persone a pensare di perdere il controllo o morire.

Alcuni individui associano i loro attacchi di panico a una specifica o più situazioni in cui si sono verificati. Pertanto, credono che evitando tali luoghi o situazioni, saranno in grado di evitare attacchi di panico e prevenire possibili recidive di attacchi.

Tuttavia, l'agorafobia spesso non si verifica a causa di disturbi di panico. In questi casi, nessuno sa cosa abbia causato la malattia.

L'agorafobia può verificarsi a seguito dell'assunzione di determinati farmaci. Ad esempio, l'uso a lungo termine di sonniferi o tranquillanti può causare l'insorgenza di agorafobia.

Ci sono anche una serie di altri fattori che influenzano l'insorgenza della malattia, come ad esempio:

  • uso eccessivo di bevande alcoliche;
  • abuso di droghe;
  • lesioni infantili;
  • gravi situazioni di stress, ad esempio perdita di persone care, guerra, cataclismi devastanti, malattie gravi, ecc .;
  • varie malattie mentali, come disturbi alimentari, stati depressivi, ecc.

Sintomi di agorafobia

Le manifestazioni cliniche dell'agorafobia sono piuttosto dinamiche e polimorfiche.

Il sintomo principale della malattia è considerato il verificarsi di attacchi di panico in un paziente durante la visita di luoghi che in precedenza lo hanno fatto temere. Durante l'insorgenza di attacchi di panico nel corpo umano c'è una significativa liberazione di adrenalina nel sangue, a seguito della quale una tale persona inizia a perdere il controllo di se stesso. Tali attacchi possono verificarsi completamente inaspettatamente e durano da 15 minuti a 30.

Fondamentalmente, i soggetti che hanno una diagnosi di agorafobia, più spesso ne avvertono i sintomi, si trovano in situazioni che causano loro ansia. Pertanto, i sintomi fisici di queste persone sono osservati abbastanza raramente, poiché tendono a evitare situazioni che li inducono al panico. Ma ancora una serie di sintomi fisici dovrebbero essere evidenziati:

  • palpitazioni cardiache;
  • iperventilazione dei polmoni, consistente nella respirazione accelerata e superficiale;
  • arrossamento e sensazione di calore;
  • disfunzione del tratto gastrointestinale, come la diarrea;
  • disturbo della deglutizione;
  • la comparsa di brividi;
  • violazione della sudorazione, la comparsa di una sensazione di vertigini;
  • suonando nelle orecchie.

Ci sono anche sintomi psicologici che a volte possono essere associati a quelli fisici:

  • temono che le persone circostanti noteranno attacchi di panico e, di conseguenza, l'emergere di sentimenti di imbarazzo e un senso di umiliazione;
  • temono che durante un attacco il cuore possa smettere di funzionare, che sia impossibile respirare o temere di morire;
  • paura di perdere la testa.

Ci sono anche altre possibili manifestazioni cliniche dell'agorafobia psicotica: mancanza di fiducia in se stessi, debole autostima, sensazione di perdita di controllo, depressione, fobie costantemente presenti, ansia e ansia, sensazione di non riuscire a far fronte alle circostanze senza l'aiuto degli altri, paura di essere soli.

Ci sono anche quattro sintomi comportamentali.

Il primo è l'evitare le circostanze o un ambiente inquietante. In alcuni casi, tale evitamento è moderato. Ad esempio, nei casi in cui il paziente evita di trovarsi in un vagone affollato.

Il secondo sintomo comportamentale è la fiducia che appare in presenza di altre persone. Cioè, una persona può andare al negozio, ma con un amico o un parente. Nelle manifestazioni estreme, il paziente troverà la solitudine intollerabile.

Il terzo è un comportamento di avvertimento, che è la necessità di possedere o prendere qualcosa per essere in grado di sopportare le circostanze o l'ambiente di interesse. Ad esempio, molte persone bevono alcolici prima di arrivare in luoghi affollati, mentre altri escono solo se sono sicuri che le pillole di cui hanno bisogno sono a portata di mano.

Il quarto sintomo è la fuga da un luogo o da una situazione stressante e il ritorno a casa.

Trattamento di agorafobia

Se un individuo soffre di agorafobia cronica, quando non è in grado di uscire di casa, allora in questi casi è richiesto l'aiuto di uno psichiatra.

Ai primi segni di agorafobia, quando si deve fare un certo sforzo per costringersi a uscire per la strada, e con ogni nuova uscita diventa sempre più difficile persuadersi a diventare auto-allenamento.

In generale, il trattamento dell'agorafobia comprende una combinazione di psicoterapia e terapia farmacologica. Nella maggior parte dei casi, la prognosi è favorevole - o si verifica una guarigione completa, oppure il paziente impara a frenare le manifestazioni di agorafobia ea tenerlo sotto controllo.

Il trattamento farmacologico dell'agorafobia consiste nel prendere antidepressivi e tranquillanti in caso di attacchi di panico. Gli antidepressivi, che sono inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI), sono più comunemente usati. Tuttavia, questi farmaci hanno una serie di effetti collaterali, come dolore nell'area della testa, disturbi del sonno, nausea, disfunzione sessuale.

Effetti collaterali ancora maggiori hanno inibitori delle monoaminossidasi utilizzati anche per trattare l'agorafobia.

Per ridurre l'ansia, vengono prescritti agenti anti-ansia, come le benzodiazepine (Alprazolam). Tuttavia, l'uso troppo lungo o l'uso in grandi dosi di quanto prescritto porta alla dipendenza. Reazioni avverse: confusione, sonnolenza, perdita di equilibrio, perdita di memoria. Il corso di solito inizia con piccoli dosaggi, aumentandoli gradualmente. Alla fine del corso, i dosaggi scendono di nuovo.

I metodi psicoterapeutici nel trattamento dell'agorafobia sono l'impatto sull'area psico-emotiva. Tra i metodi psicoterapeutici più popolari ci sono la persuasione, la comprensione, la suggestione. Includere anche alcune istruzioni, eseguite in modo tale che un individuo possa vedere se stesso e i problemi personali in modo più realistico, abbia sviluppato il desiderio di superarli o affrontarli in modo efficace, abbia padroneggiato gli esercizi speciali e il comportamento necessari per una pronta guarigione. Più spesso utilizzati per il trattamento di agorafobia sono le tecniche più efficaci e strutturate che sono limitate nel tempo, come la terapia cognitiva, la psicoterapia comportamentale, la terapia emotiva razionale e l'ipnoterapia.

La psicoterapia comportamentale cognitiva comprende due parti. Ti permette di ottenere maggiori informazioni su ciò che costituisce l'agorafobia e gli attacchi di panico, su come controllarli, la parte cognitiva della metodologia. Il paziente viene aiutato a scoprire quali sono i fattori che provocano l'insorgenza di attacchi di panico e che, al contrario, migliora la condizione. Lo psicoterapista aiuta a trasformare un'interpretazione minacciosa in una sicura, trasforma il pensiero catastrofico in uno più positivo, che salva il paziente da forti emozioni negative e manifestazioni negative. La parte comportamentale della metodologia comporta la trasformazione di risposte comportamentali indesiderate o malsane. Tali cambiamenti sono raggiunti dall'implosione o dalla desensibilizzazione. In questo caso, il paziente contrasta abbastanza bene le circostanze o l'ambiente che causa attacchi di panico.

A causa del fatto che spesso le cause dell'agorafobia sono nascoste nel subconscio, sono piuttosto difficili da identificare e sradicare. Pertanto, l'ipnosi è stata applicata con successo nel trattamento dell'agorafobia. La terapia con l'aiuto della suggestione ipnotica si è dimostrata efficace nel trattamento degli stati d'ansia. Ti consente di avere libero accesso al subconscio del paziente, in modo che il medico possa effettuare le trasformazioni richieste a un livello più profondo. In uno stato di sonno ipnotico, il paziente può instillare pensieri che saranno l'opposto dei pensieri che provocano stati di panico, neutralizzano completamente o parzialmente la situazione o condizione minacciosa.

Trattamento di agorafobia da solo

Come dimostrato dalla pratica a lungo termine, la terapia farmacologica e l'aiuto psicoterapeutico non sempre portano l'effetto previsto. Insieme a questo, molte persone che soffrono di attacchi di panico con agorafobia sono ben aiutate dai mezzi della medicina "popolare". Il trattamento dell'agorafobia da sola può non solo ridurre la manifestazione dei sintomi, ma in alcuni casi annullarli completamente.

La prima cosa da fare quando ci si autoalimenta dei sintomi è smettere di discutere le manifestazioni cliniche dell'agorafobia con persone vicine. Dobbiamo smettere di chiedere aiuto a parenti e amici. Dovresti assumerti la responsabilità e capire che sei una persona indipendente, cosciente, adulta, in grado di far fronte in modo indipendente a sintomi spiacevoli. Allo stesso tempo, è importante credere in te stesso e nella tua forza fisica.

Inoltre, è necessario smettere di visitare vari forum e simpatizzare con loro, discutendo la malattia e le cause delle condizioni di panico. Poiché le descrizioni luminose e colorate della clinica di qualcun altro possono solo aggravare lo stato psicologico del paziente.

Dovrebbe essere dato per scontato che la salute fisica individuale rientri nell'intervallo normale.

L'agorafobia non è una conseguenza della paura, ma solo un tentativo inconscio di evitare una situazione che causa paura.

I metodi di auto-estrazione e rilassamento, come la meditazione o le tecniche di respirazione, aiutano a far fronte alle manifestazioni cliniche dell'agorafobia.

In caso di attacchi di panico da agorafobia, gli esercizi di respirazione aiutano in modo più efficace, il che favorisce il rilassamento e porta l'individuo a uno stato di pace mentale. La ginnastica respiratoria consiste in una respirazione rara, ma piuttosto profonda, in cui l'espirazione viene estesa due volte rispetto all'inalazione. Per facilitare questo metodo, puoi usare il pacchetto, è meglio se è fatto di carta. La durata raccomandata di questo metodo è da cinque a sette minuti.

Guarda il video: Cos'รจ l'Agorafobia. La mia esperienza (Agosto 2019).